Riqualifica urbana e moderazione traffico – Sonvico

© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© ALBERTO CANEPA
© CITTA' DI LUGANO
©ENRICO SASSI ARCHITETTO
©ENRICO SASSI ARCHITETTO
©ENRICO SASSI ARCHITETTO
©ENRICO SASSI ARCHITETTO
©ENRICO SASSI ARCHITETTO

Il progetto di riqualifica urbana e moderazione del traffico dell’accesso alle scuole  di Sonvico si inserisce in un progetto generale più ampio che interessa tutto il territorio dei quartieri di Dino e Sonvico.

Il concetto alla base del progetto generale è riassumibile in cinque punti:

1. Individuare un percorso pedonale indipendente e separato dalla strada Cantonale

2. Potenziare e riqualificare l’asse pedonale che attraversa l’intero territorio

3. Rendere leggibile il percorso utilizzando materiali unitari

4. Riqualificare lo spazio urbano e i percorsi pedonali come strumenti per la moderazione del traffico automobilistico.

5. Migliorare, dove necessario, l’offerta di servizi e di attrezzature urbane (parcheggi, panchine, nuovi spazi pubblici).

In questo ambito il progetto per la riqualifica del comparto scuole prevede la trasformazione di uno spazio residuale in un nuovo spazio pubblico in sinergia con i lavori di moderazione del traffico. Il progetto di riqualifica urbana e moderazione del traffico delle scuole ha costruito una nuova fermata dell’autobus delle ARL (Autolinee Regionali Luganesi) e una sistemazione che organizza le quote e gli accessi alla scuola.

La strada che conduceva alle scuole era sprovvista di marciapiede, ne è stato costruito uno di 1.20 m di larghezza. Il marciapiede collega la quota della strada con quella dell’entrata delle scuole attraverso una rampa (lunghezza 32 m, pendenza 5%), i due pianerottoli della rampa sono stati pavimentati con dadi in porfido, la parete di sostegno in calcestruzzo è stata casserata con una lamiera ondulata.

Sono stati costruiti dei gradoni che conformano una sorta di “collina” sulla sommità della quale c’è un’aiuola nella quale è stata messa a dimora una Quercia (Quercus petraea).

I gradoni hanno un’alzata di 40 cm e una pedata di 60 cm, servono da sedute. Si può salire e scendere dalla “collina” grazie a due rampe di scale fabbricate con gradini in pietra che provengono dal deposito della Città di Lugano e che un tempo costituivano la scalinata della Cattedrale di Lugano. La pedata dei gradoni è divisa in due fasce di 30 cm di larghezza. La prima è in cemento e serve anche da seduta, la seconda è composta da materiale minerale naturale (cubi e tasselli di porfido) o da vegetazione. I gradoni collegano la quota del dosso di moderazione e entrata (+554.40 m s.l.m.) con quella del sottostante piazzale delle scuole (+552.80 m s.l.m.).

Dalla quota della strada si accede a uno spazio orizzontale e circolare, pavimentato con cubi di porfido riusati e tasselli di porfido ricavati dalle stesse lastre che pavimentano la Piazza Riforma (piazza del Municipio) di Lugano.

Sui tasselli sono incise le lettere dell’alfabeto e i numeri. Alla base del sistema dei gradoni si trova una fontanella con acqua potabile.

Le gradonate servono da spalti per il nuovo campo da streetball 3×3 pavimentato in Rubtan di colore grigio. Per la posa della recinzione metallica e la costruzione dei cancelli sono stati utilizzati dei tondini da armatura dal diametro di 30 mm zincati a bagno.

Sonvico riqualifica urbana e moderazione traffico

Progetto

2013 – 2016

 

Fotografie

Alberto Canepa

Scheda tecnica

Committente: Città di Lugano

Architetto: Enrico Sassi

Direzione lavori: Enrico Sassi

Collaboratori: Roberta Blasi, Irene Lucca

Ingegnere civile: Mauri & Associati SA

 

Consulenza naturalistica: Giuliano Greco, Oikos 2000

Impresa: Implenia Svizzera SA

Costruzione campo da streetball 3×3: Walo Bertschinger SA Ticino

Metalcostruttore: Bernasconi Renato SA

Fornitura e sagomatura ferro: Ghielmimport SA

Arredo urbano: Città di Lugano – Dicastero


Verde: Daniel Labhart (essenze prati secchi), Fabio Forni (posa)

Illuminazione: AIL – Aziende Industriali del Luganese

 

Dati progetto

  • Superficie complessiva: 1’184 mq
  • 
Superficie sistema gradoni: 125 mq
  • 
Superficie verde: 15 mq
  • Nuovi alberi messi a dimora: 1 (Quercia – quercus petreae)